Sport, la risposta allai??i??impossibile

Milioni di patologie stanno colpendo i nascituri e i giovani precludendoli ad una vita affatto semplice. Ma questo A? un discorso ormai Ai??passato, oggi tutto A? possibile grazieAi??allo sport paralimpico.

GiAi?? dal 1939 fu introdotto il primo sport, tiro con lai??i??arco, per aiutare le persone affette da lesioni spinali. Oggi, conAi??le nuove tecnologie, A? nato il CIP,Ai??Comitato Italiano Paralimpico, Ai??racchiudente federazioni specializzate in uno sport come wheelchair hockey, danza, baseball, calcio balilla e tanti altri.

In Campania, precisamente in un paesino, Poggiomarino, esiste la ai???Gabry danceai???, lai??i??unica scuola che ha abbracciato il progetto e iscrittasi alla FIDSAi??(Federazione Italiana Danze Sportive) del CIP.

Scuola che unisce i normodotati conAi??i diversamente abili, permettendo anche a loro di ballare in qualsiasi disciplina e con qualsiasi mezzo Ai??pagatoAi??(purtroppo) a spese proprie.

Il fondatore,Ai??Gabriele Cretoso, alla domanda perchAi?? ha fondato questa scuola, risponde: ai???Non cai??i??A? un motivo ben preciso. Io, allai??i??inizio, mi allenavo e mi preparavo atleticamente per le gare. PoiAi??le mie sorelle ed amiche volevano ballare e da lAi?? ho iniziato ad insegnare. DivenutoAi??tecnico federale della FIDS di danze latine, standard e danza Paralimpica, iniziaiAi??ad approcciarmi anche con i diversamente abili. La mia prima allieva fu una ragazza affetta da distonia(difficoltAi?? motoria dovuta ad atteggiamenti posturali involontari). Col tempo il gruppo si A? ampliato fino ad immergersi nelle competizioni agonisticheai???.Ai??

Speranza che cerca di infondereAi??e cheAi??lo raffigura come unAi??angelo mandato da Dio per diffondere la novizia delAi??ai???Lai??i??IMPOSSIBILE DIVENTA POSSIBILEai???.

Fonte: Napoli.zon.it